Migliora il tuo sound e il tuo playing

QP Slide nasce dal desiderio di rielaborare il concetto del Guitar bottleneck, ponendo il focus, non solo sulla sua funzionalità, ma soprattutto sulla personalità, elevandolo da accessorio a strumento vero e proprio, donando nuova linfa al tuo playing.
 
Paolo Giardiello
QP-Slide-logo---best-brass-slides-guitar

Professional Guitar slides

COrso guitar slide by Sebastiano Lillo

Ottieni 3 corsi gratuiti acquistando qp slide

Ricevi 3 corsi Gratuiti con Sebastiano Lillo sull’uso del Bottleneck acquistando QP Slide

Abbiamo pensanto ad un regalo per te:

• ottieni 3 video corsi gratuiti per Guitar Slide!

 

QP Slide in collaborazione con Sebastiano Lillo ha pensato e realizzato per te queste videolezioni che ti aiuteranno a comprendere e conoscere meglio il mondo dei Guitar Slide e le varie tecniche per utilizzarli!

Ascolta il sound dei nostri di qp slide

Riproduci video

QP SLIDE L'innovativo bottleneck per chitarrA

QP slide è un bottleneck innovativo nel suo genere, studiato in ogni dettaglio per garantire un sound migliore e una confortevolezza mai sentita prima.
Alcuni modelli dispongono di un taglio inclinato che consente un migliore piegamento delle dita.
 
Trova il modello QP Slide più adatto al tuo playing, oppure richiedi uno slide personalizzato, progettato su misura e scopri come QP Slide può migliorare il tuo modo di suonare garantendoti:
  • Maggior sustain
  • Timbro più caldo
  • Miglior Feeling
  • MAGGIOR PRECISIONE

1 motivO in più per scegliere qp slide

PERSONALIZZAZIONE

Personalizza QP Slide con la tua firma o con una dedica

Chi sono: Paolo giardiello

Mi chiamo Paolo Giardiello, sono un Ingegnere e mi occupo di Meccanica di Precisione.

Nel tempo libero studio musica, nello specifico chitarra Elettrica, Acustica e Resofonica, amo il Blues in tutte le sue sfaccettature e suono in svariati contesti live.

Sono anche io un ricercatore seriale del suono caldo e del feeling.

Noi, appassionati di chitarre, investiamo una discreta parte del nostro tempo alla ricerca del NOSTRO strumento, quello che, quando lo imbracciamo ci fa scattare qualcosa di inspiegabile, che ci fa sentire a casa, che, alla fine, ci fa anche suonare meglio perché pare l’estensione delle nostre mani.

La ricerca del nostro SUONO prosegue con sperimentazioni di effetti, pedali, amplificatori, pickups, corde, ecc. andando sempre più ad affinare quel tono che ci assomigli, che ci rappresenti, che racconti di noi quello che spesso non riusciamo a dire a parole.

In molte occasioni ho tentato di approcciarmi all’utilizzo del bottleneck, una tecnica che, come tutte, va studiata e richiede tanto esercizio.

Nonostante l’impegno, in molte occasioni ho pensato fosse un mio limite, che fossi in qualche modo negato.

Non riuscivo ad accettare che questo accessorio rompesse l’intimità che avevo con i miei strumenti.

Ho acquistato e testato dozzine di slide incappando sempre in rumori fastidiosi sulle corde, toni acidi, poco sustain, slides che tendevano a cadere dal dito compromettendo la precisione dei fraseggi, ecc.

Mi ero letteralmente innamorato di questa tecnica e trovare una soluzione era diventato quindi imperativo.

Ho realizzato la mia prima personale slide in ottone nell’officina meccanica di famiglia, migliorando il comfort interno e il bilanciamento tra dimensioni e sustain.

Questo ha dato una grande svolta al mio playing e alla voglia di approfondire questa tecnica. Ho iniziato a prenderci confidenza e ad arrangiare brani, che prima suonavo in accordatura standard.

Successivamente ho approfondito lo studio con Sebastiano Lillo, musicista eccezionale e produttore discografico, che ha elevato a tal punto l’utilizzo di questo strumento da utilizzarlo in tutti i brani che suona o arrangia.

Non parliamo più solo di Blues quindi ma di qualsiasi genere musicale, regalando un immenso e inedito fascino alla musica in genere.

Dopo il confronto con Sebastiano e altri musicisti professionisti, ho appreso che un ammodernamento fosse necessario…

  • qp slide charm 2
    59,00 IVA inclusa
    La vera rivoluzione. CHARM unisce due caratteristiche da sempre ricercate dai più grandi Slide Performers e fino ad oggi mai coesistite in un solo Guitar Slide: Feeling e Sustain. Il disegno è quello del fratello COMF, studiato per essere l’Avatar del dito che lo indossa e avere così un controllo molto preciso, anche per i Chitarristi più virtuosi. L’inserto frontale, realizzato con una speciale lega dal peso specifico eccezionalmente elevato, conferisce allo Slide un maggior peso con conseguente incremento del Sustain nonché un potenziamento del tono. Potresti non aver più bisogno di grandi e pesanti slides. Uno Slide decisamente slim ma dal tono sorprendentemente caldo…
  • QP-SLlide-Comf-2_DSC5610
    39,00 IVA inclusa
    QP Slide COMF avvolge il dito con il comfort di un abito su misura regalando la sensazione di usare direttamente il proprio dito per scivolare sulle corde. Non avrai più timore che possa caderti nei momenti in cui alterni il fretting allo sliding. Particolarmente apprezzato in ambiti tecnici con fraseggi veloci e fretting behind slide. Il suono è nitido, mai acido e lo scarico posteriore permette al dito di piegarsi, evitando fastidiose sensazioni di costrizione. Provalo anche sulla chitarra elettrica, ti sorprenderà!
  • QP-SLide-Velvet_DSC5610
    39,00 IVA inclusa
    Per chi ama il tono “Fat” e il vibrato facile, troverà in Velvet sonorità spiccatamente calde e vellutate. Il comfort interno è un marchio di fabbrica su tutti i modelli QP Slide, questo consente un eccellente controllo, nonostante le dimensioni. Gli slides più grossi suonano bene ma sono difficili da controllare? Provalo…

Storia dei guitar slides

I Guitar slides sono la moderna riproduzione dei vecchi colli di bottiglia utilizzati all’inizio del secolo XX da virtuosi chitarristi Country e Blues afroamericani per ottenere un particolare suono glissato.

Il Bottleneck, tradotto letteralmente collo di bottiglia, fu il primo strumento utilizzato e si trattava realmente del collo rotto di una bottiglia di vetro.

Le origini sono in realtà più antiche, si narra che in una tribù suonassero per gioco uno strumento monocorda con un pezzo di vetro.

Negli anni a venire, fino ad oggi, il vero e proprio Bottleneck slide è stato sostituito con la produzione di tubi cilindrici, certamente più comodi del collo di una bottiglia e più precisi durante il loro utilizzo, essendo perfettamente cilindrici esternamente.

I materiali di costruzione sono principalmente vetro, acciaio, ceramica e ottone. Ognuno di questi ha caratteristiche differenti in termini di suono, sustain, peso e se vogliamo anche di praticità.

Il vetro e la ceramica sono ad esempio più leggeri, affaticando meno la mano, hanno però meno sustain e la peculiarità di potersi facilmente rompere a causa di una caduta accidentale.